Come pulire un sistema hi-fi: consigli e accortezze

A volte ci chiediamo come pulire il nostro amato sistema hi-fi, quali prodotti usare e come mantenerlo in maniera impeccabile. I dubbi fanno sì che la pulizia del nostro set venga ritardata più del necessario. Pertanto, in questo articolo, ti insegniamo una serie di regole di base sulla procedura da seguire e sui materiali da utilizzare.

Prima regola per prendersi cura del sistema hi-fi

La prima regola pratica è evitare l’umidità, anche con panni umidi. Qualsiasi ingresso di acqua o liquidi nella nostra attrezzatura (sia scatole che elettronica) può essere dannoso. I nostri migliori alleati saranno l’aspirapolvere e lo spolverino.

Come rimuovere sporco e polvere?

Tessuti protettivi

La procedura migliore per rimuovere la polvere dai tessuti protettivi è utilizzare l’aspirapolvere, senza appoggiarlo su di essi, per evitare il rischio di impigliarsi. A una distanza di circa due centimetri dovrebbe essere sufficiente.

Esterno delle scatole

L’esterno delle scatole va pulito passando lo spolverino, per il quale bisogna sempre tener conto che è antistatico. Ci sono alcuni modelli venduti per la pulizia del cruscotto del veicolo che sono molto efficaci sui sistemi hi-fi. È un processo che dobbiamo svolgere con una certa periodicità, almeno una volta al mese.

Copertura protettiva

Dobbiamo anche ricordare che tutti i prodotti audiovisivi sono dotati di una copertura protettiva. Non dovremmo mai buttarlo via, poiché in lunghi periodi di assenza sarà molto utile per proteggere la nostra attrezzatura, soprattutto dalla polvere.

E gli amplificatori?

Nel caso di amplificatori e sorgenti, è fondamentale mantenere le prese d’aria libere e prive di polvere. È la via di accesso più semplice, e se lo facciamo con una certa periodicità, può essere utile anche per farci passare un camoscio o anche la nostra mano.

Inoltre, logicamente, questi condotti si trovano sulle sezioni più esposte al surriscaldamento delle nostre apparecchiature, quindi lasciare quella zona libera è di vitale importanza.

Normalmente, basta sollevare il maiuscolo. Possiamo anche utilizzare tamponi di cotone per raggiungere le zone di più difficile accesso. Il problema è che molti dispositivi hanno un involucro sempre più compatto, per evitare vibrazioni, il che rende una semplice operazione una vera seccatura. In tal caso, è più facile aumentare la frequenza della pulizia esterna, quindi non c’è quasi nessuna sporcizia che può entrare nel circuito.

Per quell’area delicata, consigliamo gli spray ad aria compressa, che sono ampiamente utilizzati nell’informatica. Li possiamo trovare in qualsiasi negozio di elettronica. A proposito, sono anche molto efficaci nei telecomandi.

Pulire la scocca esterna del sistema hi-fi

Per la pulizia esterna l’ideale è usare uno spolverino, ma è importante che non sia di piume, ma sintetico. Le piume perdono sempre dei residui ed è pericoloso che entrino in un dispositivo elettronico attraverso le prese d’aria.

Per altri dispositivi, in particolare i potenziometri, si consiglia alcol propilenico. Non danneggia i componenti elettronici ed è molto efficace. Può essere trovato nelle farmacie e nei negozi specializzati. Anche l’alcol isopropilico può aiutare.

Pulire il cablaggio

Per quanto riguarda il cablaggio degli altoparlanti, la procedura è molto simile a quella che facciamo con i tessuti protettivi. Di solito si trova in un’area poco appariscente, in molti casi di difficile accesso. Una buona risorsa è l’aspirapolvere. Particolarmente utili saranno quelli portatili, come quelli utilizzati per l’interno delle auto, e l’ideale è farlo a media distanza.

È inoltre importante pulire i terminali delle scatole almeno una volta all’anno, poiché tendono ad accumulare sporco, soprattutto se si tratta di filo nudo.

CD e DVD

CD e DVD possono essere lavati direttamente con acqua e sapone, senza alcun problema. L’unico avvertimento è seguire la direzione della registrazione, cioè radialmente, e asciugarli molto bene.

Può essere fatto con un panno, ma è meglio farlo direttamente con la punta delle dita. Il processo di asciugatura deve essere eseguito con un materiale che non lasci pelucchi o fili. È un’operazione particolarmente consigliata per dischi ottici molto graffiati, poiché può rendere leggibile un CD che avremmo sfrattato.

Allo stesso modo, dobbiamo valutare l’utilità dei CD o DVD che vengono utilizzati per pulire le lenti dei nostri lettori. Molti di loro a volte non offrono il risultato atteso. Tieni comunque presente che devono essere diverse per CD o DVD, poiché la posizione delle lenti varia notevolmente, proprio come accade nel caso dei lettori Blu-ray. Dovremmo quindi diffidare di quei dischi che indicano la stessa efficacia nei lettori CD o DVD.

Pulire il display di un sistema hi-fi

Quando si tratta di display, ci sono panni speciali con i quali possiamo rimuovere lo sporco. Le più consigliate sono quelle vendute nei negozi di elettronica, soprattutto per i monitor (sia TFT che LCD). Sono simili a quelli usati per pulire gli occhiali e il loro vantaggio è che non rilasciano fili che possono graffiare la superficie.

Per quanto riguarda gli schermi, sia al plasma che LCD, la priorità non è mai quella di applicare direttamente alcun prodotto su di essi, ma sul telo o sul fazzoletto. È meglio usare sempre carta da cucina o simile o, in mancanza, un panno o un panno antistatico.

La maggior parte dei moderni schermi sono già lavabili. Ma esistono prodotti specifici per la pulizia degli schermi, che possiamo trovare soprattutto nei negozi di computer. La maggior parte sono fondamentalmente costituiti da schiuma secca. In ogni caso possiamo utilizzare anche acqua distillata, in quantità minima. Questa condizione è importante, altrimenti sul pannello potrebbero apparire macchie di calcare.

Per rimuovere la polvere, puoi utilizzare anche un piccolo pennello. In casi estremi, esistono kit di pulizia specifici per obiettivi, che vengono venduti nei negozi di fotografia. Questi di solito includono tamponi e un liquido simile a quello usato per gli occhiali. Tuttavia, è meglio evitare di toccare l’obiettivo.

Un altro aspetto di cui dobbiamo occuparci è che ogni volta che andiamo a pulire lo schermo, deve essere freddo. Si raccomanda che sia trascorsa più di un’ora dall’ultimo utilizzo. Infine, e sebbene possa sembrare ovvio, non dovremmo mai pulire alcun dispositivo elettronico collegato alla corrente elettrica. Logicamente, questo include lo standby.

Manutenzione

Come per le scatole, l’elettronica richiede manutenzione. Particolarmente indicato è una revisione e pulizia della connettività del sistema hi-fi. Sebbene sia appena udibile, il fatto che una connessione non sia collegata con la massima precisione, può causare una perdita del segnale, non importa quanto piccola.

Conclusioni

In conclusione, indicare che la pulizia delle nostre apparecchiature non è qualcosa che è solo legato all’igiene, ma che in molti casi potremo ottenere un miglioramento del suono, ed anche evitare futuri problemi sotto forma di surriscaldamento o guasti dovuti alla presenza di corpi estranei.

Abbiamo già dimostrato quanto possa essere semplice la pulizia di un sistema hi-fi; avendo sempre un po’ di disciplina. Valorizziamo lo sforzo che ci comporta e il vantaggio che possiamo ottenere, soprattutto sotto forma di durata di dispositivi che, in molti casi, hanno comportato un esborso finanziario significativo.

Sara Hernández Díez

Sono spagnola, vivo da un po’ in Italia, l’inglese è la mia terza lingua, il mio lavoro è scrivere e tradurre. E io amo il mio lavoro: mi dà da respirare (oltre che da mangiare…). Come obiettivo ho quello non di descrivere un prodotto (Home Audio HiFi) ma di farlo diventare il tuo prodotto.

Back to top
menu
homeaudioehifi.it