Sistemi Hi-fi completi: migliori prodotti di Marzo 2021, prezzi, recensioni

Ci sono alcune cose che devi fare per ottenere il massimo dai sistemi Hi-Fi completi. Il tuo obiettivo è creare un’ampiezza, un’altezza e una profondità del palcoscenico oltre tutti gli oggetti fisici nella stanza. Il Sacro Graal di questa missione è il suono che raggiungerà il perfetto equilibrio tra l’energia del tuo stereo, il tuo apparecchio acustico e l’acustica interna. Tuttavia, ci sono tentazioni e insidie che interrompono il tuo godimento della musica: scopri come evitarle.

La giusta posizione dei sistemi Hi-Fi completi

Il triangolo sonoro dei sistemi Hi-Fi completi è una figura convenzionale composta da altoparlanti e una stazione di ascolto musicale all’apice. Non deve essere adiacente a nulla a destra o a sinistra. Niente sedie, scaffali per attrezzature, tavoli, lampade, poltrone, mensole e divani: questa è la tua terra santa. Qualsiasi oggetto che potrebbe riflettere il suono in modo errato deve scomparire.

Il modo in cui rimbalza sulle pareti e sugli oggetti nella stanza e la pressione del suono sono le due variabili più importanti sul percorso verso l’audio perfetto. Rispettale e avrai un bellissimo vero godimento della musica. Non posizionare i sistemi Hi-Fi completi in mezzo a irregolarità delle pareti laterali. In considerazione di questo comandamento, assicurati che le due distanze tra gli altoparlanti e le pareti siano uguali.

L’altoparlante sinistro non deve trovarsi a meno di tre metri dalla parete laterale. Il suono si muove a una velocità costante e dobbiamo sfruttare appieno questa costante.

A distanze disuguali, il suono rimbalza con ritardi che raggiungono sia l’orecchio sinistro che quello destro. Ciò provoca uno spostamento di immagine, una certa perdita dell’acuità centrale dell’udito e una riduzione dell’aria o spaziosità della musica. Fai attenzione ai buchi nei muri.

Assicurati che non vi siano aperture o rientranze nelle pareti laterali adiacenti al triangolo del suono. Idealmente, entrambe le pareti dovrebbero essere completamente uniformi, almeno dagli altoparlanti alla posizione di ascolto. La verità è che anche la densità delle cose concrete qui è importante, quindi non essere tentato di allestire un angolo per gli amanti della musica in una stanza sperimentale con pareti diverse.

La stanza del suono senza vetro

Prendersi cura dell’uniformità delle pareti nella stanza consentirà un suono forte e ben focalizzato con una grande separazione dei sistemi Hi-Fi completi. La composizione della stanza e la densità degli oggetti sono fattori importanti, poiché il suono assume determinate proprietà della superficie che colpisce. Fori, rientranze e altre asimmetrie modificano il timestamp del riflesso del suono.

E questi ritardi soffrono dell’ampiezza del suono e della separazione degli strumenti dalla voce. Conserva il bicchiere in un’altra stanza. Le tendenze odierne di architettura e interior design sono molto spesso basate sul vetro. Nessuno si aspetta che crei una stanza senza finestre per audiofili, ma ci sono alcune cose che puoi cambiare con molto meno sforzo.

Hai davvero bisogno di un tavolo di vetro, cornici, una collezione di vasi e cristalli della nonna in questa stanza specifica?

Gli oggetti in vetro non sono i migliori amici del suono perfetto, quindi se non riesci a sbarazzartene, almeno prenditi cura di un rivestimento con tecnologia di assorbimento o diffusione. Devi selezionare il sistema acustico appropriato. Assicurati di utilizzare un sistema di isolamento acustico idoneo per il muro su cui si trovano gli altoparlanti. Non è così semplice!

È una zona ad alta pressione, quindi le tecnologie resistenti alla pressione funzionano meglio qui e non stiamo parlando di isolamento degli edifici. Puoi scegliere tra sistemi acustici già pronti sotto forma di piastre o membrane speciali che, naturalmente, garantiscono un’esperienza di ascolto straordinaria. Ma la verità è che per un suono moderatamente corretto, tende più spesse, un tappeto sul muro o pannelli di legno moderni sono sufficienti.

Piccoli accorgimenti gratis per migliorare i sistemi Hi-Fi completi

Quando pensiamo di migliorare il nostro sistema Hi-Fi, di solito ci concentriamo sulla sostituzione di uno dei suoi componenti: altoparlanti, amplificatore, sorgente o cablaggio. Tuttavia, spesso non ci rendiamo conto che potremmo spremere molto di più dal nostro hardware a costo zero. Alcuni ne sono consapevoli, ma semplicemente non hanno tempo per farlo.

Una volta acquistata e installata, l’elettronica è sempre nello stesso posto, riproduce musica dalla stessa fonte e funziona con le stesse impostazioni. Molti audiofili pensano che, poiché hanno collegato tutta questa apparecchiatura secondo il manuale dell’utente, o addirittura installato un driver per il loro convertitore sul computer o scaricato l’ultimo aggiornamento del software dello streamer, non si può fare nient’altro.

Nel frattempo, la qualità del suono dei sistemi Hi-Fi completi può essere migliorata anche con piccole cose da fare gratuitamente.

È noto che due serie di dispositivi, cavi e accessori identici possono suonare in modo completamente diverso in due stanze diverse. Il problema è che l’acustica della stanza d’ascolto è solo l’inizio della storia.

Se ci prendiamo cura di alcune cose di base, e poi approfondiamo dettagli apparentemente insignificanti e dedichiamo non solo denaro, ma anche tempo a questo divertimento, la stessa attrezzatura nella stessa stanza può darci più divertimento da ascoltare. Alcuni di questi trattamenti sono abbastanza ovvi e qualsiasi audiofilo esperto ti dirà che li ha fatti molto tempo fa. Altri sono meno evidenti e non tutti li ricordano.

Pochi centimetri fanno la differenza?

Naturalmente, alcuni di questi brevetti gratuiti hanno un effetto piuttosto scarso sulla qualità dei sistemi Hi-Fi completi. Certamente non come sostituire gli altoparlanti o un amplificatore con un modello di fascia più alta. Tuttavia, quando introduciamo alcune di queste piccole modifiche, potrebbe risultare che ci ha fatto più bene che acquistare un altro cavo costoso.

A nessun audiofilo esperto deve essere detto che posizionare gli altoparlanti nella stanza di ascolto è molto, molto importante. Sfortunatamente, il problema è così complesso che anche se le nostre colonne sono già in luoghi designati (spesso dettati dalla forma della stanza, dalla disposizione dei mobili e dai cosiddetti motivi pratici), vale la pena verificare se lo spostamento di ciascuna di esse qualche centimetro avanti o indietro, oppure aumentare la distanza tra loro o cambiare l’angolo di piega servirà a qualcosa.

Non deve essere una rivoluzione che consiste nel cambiare il design degli interni.

Se durante questi esperimenti sorgono problemi di bassi, vale la pena controllare se il produttore degli altoparlanti non ha incluso i tappi in schiuma nel set, e se li abbiamo già controllati e non siamo rimasti soddisfatti dell’effetto, puoi sempre testare il tuo sistema di accordatura bass-reflex.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma la tecnologia e l’elettronica sono quelli che preferisco. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
homeaudioehifi.it