Home audio da remoto: migliori prodotti di Marzo 2021, prezzi, recensioni

Due decenni fa, fornire un suono di alta qualità con un impianto di home audio da remoto era uno sforzo logisticamente sofisticato che richiedeva un’attenta pianificazione, un abile instradamento dei cavi e tanti fori nei muri. Fortunatamente, questi tempi sono alle nostre spalle: ora impostare il suono è una questione di pochi minuti che spenderemo non per trascinare cavi tra il soggiorno e la cucina, ma per collegare i dispositivi con uno smartphone. Il sistema può includere non solo altoparlanti hi-fi classici, ma anche stand e floorstanders, dispositivi Bluetooth portatili, soundbar, altoparlanti intelligenti e subwoofer.

La storia delle soluzioni home audio da remoto

La storia delle soluzioni home audio da remoto risale al 2005, quando fu introdotto sul mercato il lettore di streaming ZonePlayer ZP100. Il suo produttore, Sonos, ha intuito abilmente il momento migliore per presentare la nuova tecnologia; l’attrezzatura aveva un amplificatore integrato e un modulo che permette di trasmettere musica in streaming dalla rete, unità locali e un computer. La generazione successiva ha aggiunto la possibilità di connettersi ad apparecchiature hi-fi esistenti e altoparlanti wireless dedicati.

L’applicazione Sonos consentiva di raggruppare i ricevitori audio e di gestirne il lavoro da remoto. Ad oggi, Sonos gode di una posizione di forza nel mercato dei prodotti home audio da remoto. Ciò è in gran parte dovuto alla filosofia del marchio: è principalmente un produttore di soluzioni multiroom, con altoparlanti con funzione di riproduzione remota. Molti produttori hanno deciso di andare in quest’ultima direzione, con risultati variabili.

Il mercato delle soluzioni home audio da remoto è chiaramente cambiato negli ultimi anni.

Una delle più grandi rivoluzioni sono state le suddette applicazioni per il controllo del funzionamento del sistema: in precedenza erano necessari telecomandi o pannelli dedicati. La seconda modifica è relativa al miglioramento della qualità e della velocità del Wi-Fi nelle abitazioni.

I vecchi collegamenti lenti erano troppo deboli per gestire lo streaming di musica di buona qualità ed erano caratterizzati da una breve portata e sensibilità alle interferenze esterne. La situazione è peggiorata poiché più dispositivi hanno funzionato contemporaneamente nella rete. Le moderne reti Wi-Fi non sono gravate da questi problemi e possono gestire facilmente molti altoparlanti ad esse collegati, anche quando la musica in streaming è archiviata in un formato senza perdite.

Lo streaming audio wireless

La maggior parte degli altoparlanti intelligenti può essere collegata ad altri ricevitori audio e tutti i principali produttori di apparecchiature di fascia alta hanno scoperto lo streaming audio wireless. È il momento migliore per dotare la tua casa di questo tipo di sistema musicale. Molto spesso usiamo sistemi home audio da remoto per due scopi.

Il primo è riprodurre la stessa musica in tutti i luoghi contemporaneamente: in soggiorno, in cucina, in camera da letto o anche in giardino, purché si disponga di un altoparlante portatile.

In altre situazioni, la funzione di riprodurre brani diversi in ogni stanza è utile: ad esempio, possiamo ascoltare musica hi-fi in soggiorno, mentre i bambini riproducono Spotify in streaming nella loro stanza. I vecchi sistemi erano basati sulla trasmissione del suono da sorgenti locali, il che rendeva possibile riprodurre dischi di grammofono in una stanza e ascoltarli in un’altra, e creare i propri servizi di streaming su unità di rete e server domestici.

La maggior parte dei nuovi standard lo fa ancora, ma aggiunge anche una fonte molto importante al mix: Internet. I servizi di streaming come Apple Music, Spotify, Deezer o TIDAL svolgono un ruolo importante qui e spesso troviamo supporto per applicazioni leggermente più di nicchia come TuneIn e Audible.

Prima di spendere soldi, vale la pena conoscere i vari sistemi

Come spesso accade nel mondo tecnologico, sul mercato sono presenti diversi ecosistemi home audio da remoto concorrenti. Prima di spendere soldi, è una buona idea conoscerli attentamente e vedere cosa offrono; questo eviterà spiacevoli sorprese. Il primo tipo di sistema ruota attorno ai prodotti di un marchio, e il secondo – più aperto – utilizza piattaforme come Amazon Alexa o Apple AirPlay 2.

In questo caso, abbiamo un po’ più di libertà: invece di limitarci all’offerta di un produttore, possiamo scegliere tra tutti i dispositivi compatibili sul mercato e controllare il sistema dall’app Alexa o Apple Home. Tuttavia, va notato che le applicazioni dei produttori dedicate di solito offrono più funzioni rispetto alle applicazioni universali per la casa intelligente.

Un’iniziativa interessante è anche lo standard DTS Play-Fi, supportato da marchi come Pioneer, Audiolab, Klipsch, Wharfedale, Mission e Sharp.

Come scegliere un sistema home audio da remoto? Prima di tutto, controlliamo se in casa abbiamo amplificatori o altoparlanti che vogliamo collegare. Anche i vecchi dispositivi possono diventarne parte, purché li colleghiamo ad un relè speciale; alcuni sistemi, inclusi BluOS, B&W Formation e Sonos, hanno speciali “componenti aggiuntivi” che aggiungono funzionalità intelligenti e supporto per lo streaming ai nostri dispositivi.

Consideriamo anche come appare la nostra libreria musicale e se ne abbiamo una. È diverso creare un sistema basato solo sullo streaming da Internet e uno basato su un’unità di rete con file ad alta risoluzione.

Se decidiamo di eseguire lo streaming online, prestare attenzione ai servizi supportati dal sistema. Ad esempio, Apple HomePod ha il supporto nativo per Apple Music, Amazon Music e TuneIn radio e possiamo ascoltare Spotify o Deezer solo tramite AirPlay 2. Sonos, B&W Formation e Denon con la piattaforma Heos Built-In sono un po’ più aperti a servizi diversi. I sistemi di fascia alta come Linn, d’altra parte, si concentrano su applicazioni che offrono musica ad alta definizione, come TIDAL e Qobuz.

Calcolare lo spazio disponibile

Vale la pena considerare quale spazio abbiamo. Da diverse generazioni, gli altoparlanti Amazon Echo non suonano più come scatole a fori cavi, ma da dispositivi così piccoli è difficile generare energia sufficiente per riempire di suono un grande soggiorno. D’altra parte, un paio di bellissimi altoparlanti B&W Formation Duo, vibranti di suono, possono sopraffare le stanze più piccole.

Quando si progetta il sistema home audio da remoto bisogna tenere conto anche della copertura della rete Wi-Fi dello spazio domestico, soprattutto se si prevede di riprodurre in streaming musica ad alta risoluzione. Per uno streaming fluido, Qobuz consiglia una velocità minima di 10 Mb / s; i nostri router domestici sono indubbiamente più veloci, ma vale la pena considerare che non solo supportano altoparlanti.

TV, tablet, smartphone, dispositivi domestici intelligenti: maggiore è il numero di dispositivi nella rete, maggiore è la probabilità di avere problemi di connettività.

Questo è il motivo per cui alcuni produttori, come B&W, hanno deciso di creare le proprie reti MESH, in cui ogni elemento del sistema si collega direttamente con gli altri. Come una corsia privata in autostrada, una rete dedicata solo all’audio aiuta ad eliminare congestioni e complicazioni.

Anche gli altoparlanti economici sono una grande spesa quando ne acquistiamo più pezzi. Abbiamo già menzionato più volte l’audio ad alta risoluzione. La maggior parte dei sistemi supporta file di qualità CD (16 bit / 44,1 kHz), ma molti prodotti di fascia alta fanno un passo avanti. B&W Formation può riprodurre musica in qualità 24 bit / 96 kHz e gli streamer Naim digitali forniscono audio a 32 bit / 384 kHz.

Il futuro dell’home audio da remoto

Infine, volgiamo i nostri pensieri al futuro: il sistema home audio da remoto scelto sarà ugualmente funzionante tra qualche tempo? Recentemente Sonos ha deciso di interrompere il supporto per molti altoparlanti meno recenti e ha annunciato che non avrebbero ricevuto ulteriori aggiornamenti. Il motivo era che questi dispositivi si sono semplicemente rivelati troppo deboli per funzionare con il sistema di sviluppo.

Questo è il destino dei prodotti elettronici: dopo un po’ smettono di funzionare e devi comprarne di nuovi. Forse vale la pena investire in audio di fascia alta, la cui potenza di calcolo e le cui specifiche dureranno per molti anni.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma la tecnologia e l’elettronica sono quelli che preferisco. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
homeaudioehifi.it